Scroccafusi

Il nome scroccafusi deriva dal rumore dei denti mentre li mangiano. Croccantezza carnevalesca.

Ingredienti (per 4 persone)

550gr di farina 00, 5 uova intere, 1 arancia grattugiata, 50 ml di Mistrà, 3 cucchiai di olio, 1 pizzico di sale, 1/2 bustina di lievito per dolci, 3 cucchiai di zucchero, 1 pizzico di cannella, Nel caso l’impasto dovesse essere troppo asciutto, aggiungere poca acqua a filo in base all’assorbimento della farina (solitamente 20-30ml).

Preparazione

Sull’impastatrice mettere la farina setacciata, il lievito per dolci, sgusciare le uova e metterle nel mezzo; aggiungere olio e zucchero, iniziare ad impastare aggiungendo un pizzico di cannella e per terminare il liquore all’anice o mistrà se ne avete. Quando le polveri si saranno rapprese aggiungere la buccia di arancia grattugiata e il sale. Lasciar andare fino a quando si sarà formato un panetto compatto ed elastico; se dovesse risultare troppo asciutto, aggiungere a filo pochissima acqua e impastare ancora per qualche minuto. Fare riposare l’impasto per almeno 30 minuti avvolto in pellicola poi tagliarlo a grossi gnocchi grandi circa come mandarini incidendo una croce sulla sommità. Gettarne pochi alla volta in una pentola d’acqua bollente facendo attenzione che non si attacchino tra loro o sul fondo. Con una paletta di legno staccarli l’uno dall’altro perché tendono ad appiccicarsi. Lasciarli lessare per 2-3 minuti circa e comunque al raddoppio. Scolarli con una schiumarola e lasciarli asciugare sulla tela coprendoli con un panno. Friggerli quindi lentamente a fiamma bassa. Scolarli e farli asciugare su carta assorbente. Condirli infine con zucchero e alchermes oppure con miele leggermente scaldato. Se invece si preferisse la cottura nel forno, dopo averli tolti dall’acqua bollente è necessario asciugare gli scroccafusi con molta delicatezza e lasciarli così per circa 15 minuti, sistemarli su una lastra ricoperta da carta da forno e farli cuocere per circa 30 minuti a 180 gradi. Condire a piacere o con del miele o alchermes e zucchero.  Sono buonissime!!!! Tipiche per il carnevale, si possono mangiare anche a Pasqua.

Provenienza della ricetta

E’ il dolce tipico delle Marche, e principalmente del Maceratese e che viene preparato per il Carnevale. Il loro nome varia da zona in zona ad esempio ad Arquata del Tronto vengono chiamati “stummeri” mentre ad Osimo si chiamano cecetti. Molto probabilmente l’etimologia di scroccafusi nasce dal rumore che fanno i denti per mangiarli essendo abbastanza duri. Un tempo venivano cotti nel forno a legna utilizzando esclusivamente legno di canna per ottenere una fiamma moderata e quindi evitare che potessero bruciare. Ne avevo sempre sentito parlare ma in famiglia non era un dolce che veniva fatto così andando a trovare un amico a Cingoli, il forno sotto la sua abitazione, li stava appena sfornando e ne presi un piccolo vassoio. La ricetta, tipica della zona seppur con leggere varianti da paese a paese, mi è stata donata da questo amico così come veniva fatta da sua madre.

Cosa rappresenta per te questa ricetta?

Rappresenta una piacevole scoperta; quanto amo le ricette che vengono tramandate da nonni, zii e via dicendo. Più passa il tempo, più mi avvicino alla gastronomia e più mi rendo conto di quanto siano preziose.

Chi sei?

Mi chiamo Maurizio Moscatelli, nato nelle Marche e continuo a viverci perché credo che sia una tra le più belle regioni d’Italia; Il clima è buono, abbiamo mare e monti che si raggiungono in meno di mezz’ora di distanza e resta ancora una regione vivibile. Consulente informatico, grafico ed editoriale; fotografo ed esperto web-marketing da 29 anni, finalmente sto per veder realizzato un sogno… nella ristorazione.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...