Strudel di mele

Era il 1944 e lo strudel era per me un dolce esotico. Volevo qualcosa di nuovo e lontano. Da allora è diventato "il" dolce della mia nuova famiglia.

Ingredienti

Farina gr. 250, Burro gr. 100, zucchero gr.100, mele ( meglio se “stagionate”) gr. 500, uva sultanina gr.100, un uovo, latte q.b., un pizzico di sale, la scorza di un limone.

Preparazione

Impastare farina,uovo e metà burro poco alla volta con il latte in modo che la pasta risulti piuttosto morbida. Lavorarla a lungo,molto a lungo,sbattendola sul piano molte volte (suggerisco cento colpi) e farla poi riposare al caldo per circa mezz’ora. Stendere poi la sfoglia il più sottile possibile e allargarla sollevandola con il dorso delle manidopo averla leggermente unta di burro. Appoggiare la sfoglia su di un telo (dovrà aver raggiunto un bel diametro) e coprirla con le mele a fettine sottilissime,spargervi poi sopra l’uvetta già rinvenuta in acqua tiepida, la buccia di limone grattugiata, lo zucchero e il resto del burro fuso o a pezzetti. Avvolgere la sfoglia su se stessa con l’aiuto del telo e poi farla scivolare sulla teglia. Infornare per circa 45 minuti a temperatura media. Durante la cottura le mele rilasceranno il loro succo,da raccogliere e spennellare più volte.

Provenienza della ricetta

Ho trovato questa ricetta sul mio primo libro di cucina, quando appena sposata e molto giovane, mi sono trasferita a Roma dalla Puglia, anzi dal Salento. Non avevo mai assaggiato uno Strudel e forse proprio per questo ne ero incuriosita e attirata.

Cosa rappresenta per te questa ricetta?

Ha rappresentato l’inizio della mia nuova vita, lontana dalla mia famiglia di origine (era il 1944 e non era certo facile mantenere i contatti). Forse proprio per questo mi sono fatta attirare da un dolce per me “esotico” mai assaggiato. Volevo qualcosa di nuovo e lontano. Da allora è diventato “il” dolce della mia nuova famiglia.

Chi sei?

Elena Marella di Otranto, 89 anni, ex insegnante di musica,ora naturalmente pensionata.

Una signora piuttosto anziana ancora incuriosita da piatti nuovi che mi piace sperimentare.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...